Home Page
Contatti
 
Cerca in Brindisiweb

 

LE STORIE DELLA NOSTRA STORIA

Brindisi Porto di Accoglienza nel Mediterraneo

Dall’Istria a Brindisi al Collegio Tommaseo

Subito dopo l’armistizio, Tuturano, come altre località pugliesi, fu individuato come sito di smistamento di profughi giuliani, di cui si segnala il primo arrivo a Bari il 26 settembre 1943.
Gli alleati decisero che coloro che avevano rifiutato di aderire all’esercito di Tito, dovessero scegliere se unirsi ai partigiani italiani o raggiungere l’Egitto, transitando dal campo di Tuturano.
250 slavi furono imbarcati per l’Egitto il 17 gennaio 1944, nell’ambito dell’esodo forzato di migliaia di profughi provenienti dall’Istria e dalla Dalmazia e di ex internati in campi di concentramento.
Dopo la fine della guerra, già dal 10 ottobre 1946 il Collegio ospitava 300 giovani profughi istriani “venuti tra di noi per poter continuare i loro studi e condurli a termine lontani dal clima arroventato delle nostre città contese” (da La Freccia, 19 ottobre 1946, p.1).

Il Collegio venne allora intitolato a Niccolò Tommaseo, in omaggio al letterato dalmata sostenitore, già nell’ottocento, della fratellanza tra le popolazioni slave e italiane.
L’istituto prese a funzionare alle dipendenze del Commissario Nazionale Gioventù Italia, ma con il contributo del Ministero per l’assistenza post bellica, che pagava le rette degli allievi e assunse la denominazione di “Collegio per profughi giuliani”.
Il Collegio, frequentato dai profughi e i cui docenti erano profughi, divenne punto di riferimento per la comunità giuliana. In città era diffuso un forte sentimento di solidarietà nei confronti degli esuli, presenti in numero elevato e coordinati dal Comitato provinciale assistenza profughi Venezia Giulia e Zara.
Il legame di solidarietà tra i profughi giuliani e Brindisi divenne più saldo nell’ottobre 1948, quando fu costituito il Consorzio Fiume – Brindisi, per ricostruire nel capoluogo salentino le industrie abbandonate nelle terre istriane e per dare lavoro agli esuli alloggiati nei campi profughi. Il gruppo degli industriali e commercianti fiumani aveva scelto Brindisi perché vicina ai mercati dell’Oriente, da essi tradizionalmente frequentati.
Da “Il Collegio navale Tommaseo 1934 – 1977 dalla progettazione al disuso”, 1994.


Il Collegio Navale Tommaseo

-> Pannelli successivi

Documenti correlati

» Il Collegio Navale "Nicolò Tommaseo"


Print Friendly and PDF

English version

Brindisi på dansk

Come arrivare e muoversi
 



Partnership

Brindisiweb è un'idea di Giovanni Membola Crediti Copyright Contatti