Home Page
Contatti
 
Cerca in Brindisiweb

 


La Provincia di Brindisi - TUTURANO

Tuturano in realtà non è un comune della provincia, ma bensì una frazione del capoluogo distante circa 10 km in direzione sud.
Ebbe origine come feudo medievale donato dai Normanni alle monache benedettine di Brindisi (1097 e 1107) e fu abitato dagli albanesi sino al 1480, quando l'abbandonarono per spostarsi in Abruzzo al fine di proteggersi dall'invasione dei Turchi, che proprio in quei giorni avevano preso la città di Otranto. Gli albanesi vi fecero ritorno dopo circa un anno.


Tirre di Sant'Anastasio

Il monumento più antico è rappresentato dalla Torre di Sant'Anastasio, risalente al XVI secolo. E' detta così in quanto in alto, dal lato che guarda la piazza (foto a lato), ha l'immagine del Santo scolpita in rilievo su pietra con una scritta in greco, opera di un artigiano locale dello stesso secolo. Congruo alla torre vi era anche un carcere, le cui chiavi erano in possesso della Madre Badessa del convento di San Benedetto. La torre infatti rappresenta il simbolo del potere delle suore benedettine sul feudo di Valeriano.
Il culto di Sant'Anastasio è stato accertato in questa località, popolata oltre che da albanesi, anche da greci.
Sulla stessa piazzetta, prospicente la torre, vi è la torre dell'orologio, inaugurata il 28/7/1898.


Chiesa della Madonna del Giardino

Simbolo della borgata è l'antica chiesa latina di Maria Santissima del Giardino (foto sopra), riedificata nel 1598 recuperando alcune parti della preesistente chiesa, come l'antico frammento d'affresco rinvenuto all'interno. La chiesetta conserva all'interno due altari sei-settecenteschi: quello a destra dall'ingresso (già altare maggiore prima dell'attuale orientazione della chiesa sull'asse nord-sud) , contiene l’antico affresco della Vergine affettuosa, con ai lati tra colonne, due piccole sculture di San Giuseppe col Bambino e San Giovanni Battista; l'attuale altare maggiore è in un'ampia arcata ricavata nel muro, conserva una decorazione pittorica ritenuta del tardo cinquecento o dei primi del seicento, raffigurante una Madonna del Rosario. Queste pitture, recuparate nel 1982 dopo l'interdizione settecentesca, hanno un interessante richiamo alla battaglia di Lepanto.
Sulla stessa parete, in alto, sono rappresentati i santi Pietro (sx) e Paolo (dx) a figura intera.
La chiesa ha avuto anche funzioni di sepoltura, confermato dalla presenza di un ossario ipogeo.
Nel 1896, dopo i crolli sulla parete a ponente dove era posto l'ingresso alla chiesa, l’asse principale divenne quello nord-sud, con l'apertura del portale attuale di gusto rinascimentale. Nella controfacciata è posta un’acquasantiera lapidea risalente al tardo ‘500.
La copertura è con volte a spigolo a tre campate, decorate d'azzurro.
L'ultimo restauro è stato completato nel 2012 grazie ai fondi ottenuti nell'ambito dell'Area Vasta, un finanziamento complessivo di trecentomila euro oltre alle donazioni di tanti cittadini.
Alla Vergine, patrona di Tuturano, sono dedicati i festeggiamenti annuali che si svolgono nell'ultima settimana di maggio, con la processione dell'effige della Madonna conservata nella chiesetta.
(SCHEDA DI APPROFONDIMENTO SULLA CHIESA)

Fotogallery - clicca per ingrandire
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12

Foto
1 - Chiesa della Madonna del Giardino, prospetto prncipale e portale d'ingresso.
2 - Chiesa della Madonna del Giardino, prospetto a ponente
3 - Chiesa Madonna del Giardino. Interno.
4 - Chiesa Madonna del Giardino. Altare dedicato alla Vergine affettuosa.
5 - Chiesa Madonna del Giardino. Altare principale dedicato alla Madonna del Rosario
6 - Chiesa Madonna del Giardino. Affresco della Madonna del Rosario (particolare)
7 - Chiesa Madonna del Giardino. Acquasantiera
8 - Chiesa Madonna del Giardino. Affreschi rappresentanti san Pietro (sx) e san Paolo (dx)
9 - Chiesa Madonna del Giardino. Statua della Madonna del Giardino
10 - Chiesa Madonna del Giardino. Nicchia sulla parete a ponente con Crocifisso e antica campana
11 - Chiesa Madonna del Giardino.Copertura con volte a spigolo a tre campate
12 - Chiesa Madonna del Giardino. Interno prima degli ultimi restauri

Molto più recente è la chiesa dell'Addolorata, costruita, tra il 1949 e il 1953, sita sulla via principale della frazione, al cui interno sono conservate diverse statue in cartapesta.

All'ingresso della frazione vi è la colonna dell'Osanna, dove la popolazione locale si reca per la benedizione dei ramoscelli di ulivo la domenica delle Palme.
Nel centro cittadino la moderna fontana monumentale, realizzata negli anni '80 in sostituzione di una fontana di epoca fascista.


Fontana monumentale

Poco fuori la località, in direzione Mesagne, il bosco di Santa Teresa, frammento dell'antica Foresta Oritana, oggi è di molto ridotto (circa 25 ettari dichiarati Oasi di Protezione) rispetto al passato, quando era molto ricco di Quercia da sughero e di un interessante sottobosco a macchia mediterranea.
Anche il piccolo boschetto Colemi, in direzione Cellino, è ormai molto limitato nella sua estensione.
(SCHEDA SUL BOSCO DI SANTA TERESA)

Non lontano da Tuturano la masseria Paticchi, oggi abbandonata, utilizzata come campo di prigionia dei soldati anglo-americani durante la seconda guerra mondiale (dal maggio 1941), denominato "Campo di Concentramento PG85" che aveva una capienza di 6.500 uomini alloggiati in baracche e tende (note).

Fotogallery - clicca per ingrandire
1
2
3
4
5
6
Foto
1 - Torre di Sant'Anastasio
2 - Part. caditoia e immagine del Santo scolpita
3 - Torre dell'Orologio
4 - Chiesa dell'Addolorata. Esterno
5 - Chiesa dell'Addolorata. Interno
6 - Colonna dell'Osanna

Documenti correlati:
» Chiesa Madonna del Giardino
(scheda dell'Ufficio per i Beni Culturali Ecclesiastici)

Non è consentito l'utilizzo dei testi e delle immagini senza autorizzazione


Print Friendly and PDF

English version

Brindisi på dansk

Come arrivare e muoversi
 



Partnership

Brindisiweb è un'idea di Giovanni Membola Crediti Copyright Contatti