Home Page
Contatti
 
Cerca in Brindisiweb

 


AMBIENTE & NATURA

Bosco di Santa Teresa e dei Lucci
Riserva Naturale Orientata Regionale

Quercia da SugheroLe aree boschive che fanno parte della Riserva Naturale Orientata Regionale fanno parte il Bosco Lucci, il Bosco Preti, il Bosco di S. Teresa e il boschetto del Parco Colemi, tra loro distanti e frammentate da ampie zone coltivate. In passato facevano parte di un’unica ed estesa di Quercia da Sughero (foto a destra).
Il bosco di Santa Teresa, poco fuori l'abitato di Tuturano, è composto a sua volta da due nuclei che complessivamente coprono una superficie di 25 ha. Il territorio era compreso nel feudo di Valerano, donato nel 1107 alle benedettine di Brindisi, che erano già in possesso di Tuturano dal 1097.
Sempre nei pressi di Tuturano il Parco Colemi, in buona parte alterato nella sua struttura vegetazionale; attualmente è destinato a parco pubblico aperto anche
al traffico motorizzato, che ne ha deteriorando profondamente la vegetazione.
Il Bosco Preti, un piccolo nucleo di solo 2 ettari circa di pura sughereta, è quanto rimane dell’antica area ben più vasta, infatti uno studio del 1995 riporta che il bosco aveva una superficie di 15,69 ha.

Poco più lontano, in direzione Mesagne, il Bosco dei Lucci, che occupa una superficie di circa 8 ettari; anche in questo caso il bosco in passato si sviluppava su un’area più vasta. Alcuni studi botanici riferiscono che era già adulto nel 1700 e che negli anni '80 vi erano alberi che raggiungevano l'altezza di oltre 7 metri.
Queste aree boschive si estendono lungo una lunga zona di protezione che copre complessivamente circa 190 ettari, su terreno ad elevata componente argillosa che favorisce il ristagno idrico superficiale che quindi permette lo sviluppo della Quercus suber, una specie rara non solo per questo territorio, che assume particolare importanza dal punto di vista biogeografico nell'intero versante adriatico italiano. Le altre specie botaniche presenti sono il Corbezzolo, il Lentisco, l’Erica Arborea, il Mirto, il Caprifoglio, il Cisto e pochi esemplari di Quercia Vallonea.
Il bosco complessivamente è in buone condizioni vegetazionali, tra i meglio conservati in Puglia grazie soprattutto all'intervento dei privati, proprietari dei terreni, che tengono cura queste aree.
Qui trovano rifugio animali come il Tasso (Meles meles), il Colubro leopardiano (Elaphe situla), la Raganella italiana (Hyla intermedia), il Succiacapre (Caprimulgus europaeus).

Per commenti e suggerimenti:
Print Friendly and PDF

English version

Brindisi på dansk

Come arrivare e muoversi
 



Partnership

Brindisiweb è un'idea di Giovanni Membola Crediti Copyright Contatti