Home Page
Contatti
 
Cerca in Brindisiweb

 


La Provincia di Brindisi - ORIA

Oria e' una bellissima cittadina di 15.000 abitanti a circa 30 km ad ovest di Brindisi, situata su una bassa collina delle murge.
Fondata dai Cretesi di Re Minosse circa 35 secoli fa, che occuparono le aree collinari più facilmente difendibili.
E' stata la capitale della Messapia, con il nome di Hyria, assumendo e conservando nei secoli un ruolo importante grazie alla sua posizione strategica al centro tra i due mari, tra Taranto e Brindisi. Da qui passava la Via Appia, costruita dai romani.
Ma la storia della cittadina e' strettamente legata a Federico II, che la fortificò costruendo anche uno dei suoi più possenti castelli, ed agli svevi con i quali i rapporti vengono ancor'oggi mantenuti grazie al gemellaggio con la cittadina tedesca Lorch.
Nel 1225, a castello appena ultimato, che Federico II e la sua corte soggiornarono ad Oria; l'Imperatore in attesa di incontrare la sua futura sposa Jolanda da Brienne
(scheda), decise di bandire un torneo che ancora oggi viene ricordato durante l'estate.

Il Castello Svevo, dichiarato monumento nazionale, domina superbamente la città dall'alto della collina dove sorgeva l'antica acropoli. Sembra essere un "vascello natante nell'aria", per la sua forma a triangolo isoscele con il vertice rivolto a nord, formato dalla "torre dello sperone". A sud il castello termina con le torri cilindriche angioine denominate del Salto e del Cavaliere e con la massiccia torre quadrata (l'originario Maschio).
Le mura esterne sono provviste di merli, torrette e bastioni che hanno reso inespugnabile il castello ai diversi e ripetuti attacchi nei secoli. Per questo è stato più volte rimaneggiato e restaurato dai vari proprietari che si sono succeduti nel tempo, per ultimo i conti Martini-Carissimo. Al centro una ampia piazza d'armi che poteva contenere sino a 5000 uomini, da qui si accede tramite una scala scavata nella roccia nella cripta paleocristiana dei santi Crisante e Daria (IX secolo), un ipogeo con pianta a croce greca a tre navate divise da pilastri e copertura a cupole con tracce di affreschi sulle pareti. E' possibile visitare buona parte dell'interno del castello, le diverse sale, il camminamento sulle mura e la cripta.
Visite su prenotazione: Tel./Fax 0831.845659 - email: info@castellodioria.it - website

Unico e particolare il borgo antico, ricco di vicoli, scorci caratteristici ed edifici eleganti, su tutti il Palazzo Martini Carissimo con la sua facciata in stile barocco, permutato dai conti Martini Carissimo nel 1933 con il castello svevo.
Al centro storico si accede dalle due antiche porte d'ingresso alla città:
- Porta Manfredi, detta anche Porta degli Spagnoli (o Lecce - foto a lato) in stile tardo barocco, ricostruita nel 1727.
Oltre la porta l'ampia piazza sul quale si erge il Sedile, un settecentesco palazzo a torre quadrata che fu la sede dei Decurioni, chiamata per questo "Seggio dei Nobili". Sulla facciata, al centro tre le due statue di santi s'innalza il campanile a vela e l'orologio.
- Porta degli Ebrei (XV sec.), che si apre nell'antico e fiorente quartiere ebraico del IX-X secolo, oggi Rione Giudea, le cui influenze si notano nelle architetture delle case e dei balconi di stile giudaico; la porta è sormontata dalla statua dell'Immacolata;

Resti delle antiche mura si possono vedere nei pressi della Cattedrale (via F.Russo), come la Torre Palomba, E' conosciuta con il nome "Carnara" perché fino al XVIII secolo servì come ossario.
Nei pressi chiesa sconsacrata di San Giovanni Battista con annesso chiostro, oggi utilizzata come spazio espositivo e culturale, vi è il bel Parco Montalbano, un giardino settecentesco da dove si può ammirare un incantevole panorama.

Davvero suggestiva è la piazza sul quale si affaccia il Duomo che permette una vista panoramica sul paese e gustare lo stile barocco della Cattedrale di Santa Maria Assunta in Cielo, riedificata nel 1750 sull'originale medievale. Elevata a Basilica Pontificia Minore nel 1992, si presenta con una elegante facciata in carparo dove si aprono l'ampio finestrone centrale e i tre portali d'ingresso. La bella ed alta cupola rivestita in maioliche colorate svetta sulla chiesa e la rende visibile da ogni parte della città. L'interno è a croce latina a tre navate, molto ricca nelle decorazioni: marmi policromi, oro zecchino, ricchi arredi, candelabri bronzei, stucchi, tele e statue del '600 (tra cui i "Santi Medici" di scuola veneziana e di "San Barsanofio" di scuola napoletana) riempiono ogni spazio e le cappelle laterali.
Oratorio della confraternita della MorteDall’interno del Duomo, alla sinistra dell’ingresso, si accede all’Interessante oratorio del ‘500 (foto a sinistra) e alla “Cripta della Mummie”, un suggestivo ipogeo dove sono conservate undici corpi disidratati dei confratelli dell'Arciconfraternita della Morte, risalente alla metà dell’800.
(link di approfondimento)

E' possibile visitare anche i sotterranei della Cattedrale, dove si possono ammirare pitture, statue, arredi, paramenti sacri e cripte servite in passato come tombe dei vescovi e come ossari.

Sempre dalla piazza del Duomo si accede al rinascimentale Palazzo Vescovile, voluto dall'arcivescovo Gian Carlo Bovio e realizzato tra il 1564 e il 1570; qui si possono ammirare i soffitti affrescati attribuiti a Pellegrino Tibaldi della scuola di Raffaello. Nell'edificio è anche ospitato l'interessante Museo Diocesano che espone dipinti, sculture, arredi sacri, oggetti sacri in oro ed argento e reperti archeologici.

Le altre chiese che meritano una visita sono:
Il Santuario di San Antonio da Padova, dalla facciata intonacata è in stile tardo-barocco con rosone centrale; dalla chiesa si accede alla cripta di San Mauro, che contiene alcuni affreschi nella parete in corrispondenza dell'altare. Il santuario è gestito dai Padri Rogazionisti
La Chiesa e Convento di San Benedetto, del 1850, con facciata in stile classico, con annesso convento delle Benedettine Cassinesi.
La chiesa di San Domenico, eretta dai Padri domenicani nel 1572. All'interno pregiate tele ed altari laterali di stile barocco.
La chiesa di San Francesco di Paola con attiguo convento, edificati dal 1580 sulla cripta di San Barsanofio dove dal 890 al 1170 si conservarono le reliquie del Patrono.
La chiesa di San Francesco d'Assisi, edificata sulla chiesa basiliana della Madonna di Costantinopoli. Qui sono conservate le reliquie del Beato Francesco da Durazzo.

I DINTORNI: (chiese e santuari)

TRADIZIONI: Corteo Storico e Torneo dei Rioni

Fotogallery - clicca per ingrandire
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
Foto:
1 - Vista aerea della città (foto Mario Gioia - SAR)
2 - Castello Svevo. Vista aerea (foto Mario Gioia - SAR)
3 - Basilica Cattedrale di Santa Maria Assunta in Cielo. Esterno
4 - Basilica Cattedrale di Santa Maria Assunta in Cielo. Interno
5 - Cripta della Mummie della Arciconfraternita della Morte
6 - Santuario di San Antonio da Padova (foto Mario Gioia - SAR)
7 - Palazzo del Sedile o "Seggio dei Nobili"
8 - Porta degli Ebrei
9 - Chiesa di San Giovanni Battista
10 - Porta Manfredi dall'interno, con attiguo balcone in pietra
11 - Chiostro di San Giovanni Battista
12 - Santuario di San Antonio da Padova
VIDEO
Oria
servizio tv di TeleRama
Il Palio di Oria
da "Terra dei Due Mari" (TeleRama)
Torneo dei Rioni di Oria
2010 - Movideo Produzioni TV
Link:
» Sito Ufficiale del Comune
» Diocesi di Oria
» Rione della Giudea
» Visit Oria
» CarpeDiem Oria
» Oritano - blog di notizie ed informazioni da Oria
» Gruppo di Promozione Umana - Oria

Non è consentito l'utilizzo dei testi e delle immagini senza autorizzazione


Print Friendly and PDF

English version

Brindisi på dansk

Come arrivare e muoversi
 



Partnership

Brindisiweb è un'idea di Giovanni Membola Crediti Copyright Contatti