Home Page
Contatti
 
Cerca in Brindisiweb

 

LE STORIE DELLA NOSTRA STORIA

VISITA PASTORALE DI PAPA BENEDETTO XVI A BRINDISI
14 e 15 giugno 2008

E’ stato un ordinato e composto bagno di folla, con grandi manifestazioni di affetto ed entusiasmo nei confronti di Papa Benedetto XVI da parte di tutta la popolazione locale, un evento riuscito oltre ogni più rosea aspettativa.
foto M. PesariE’ uno degli aspetti più significativi della terza visita di un Papa alla città di Brindisi. La prima risalirebbe al 43 d.C. quando, secondo le testimonianza di Dionigio da Corinto, l’apostolo Simone detto Pietro sarebbe approdato in città da dove poi avrebbe raggiunto Roma percorrendo la Via Appia.
Nel 1089 è Urbano II (Ottone di Lagery, rimasto alla storia per aver indetto la prima crociata) a visitare Brindisi per consacrare le basi della cattedrale sul luogo dov’è l’attuale basilica, interamente ricostruita dopo il terremoto del 1743.
Da ricordare inoltre l’ospitalità riservata il 14 settembre del 1936 a mons. Angelo Roncalli, futuro Papa Giovanni XXIII, di passaggio per recarsi in Grecia e Turchia, accolto nella casa di don Augusto Pizzigallo, nuovamente ospitato 18 anni dopo in occasione del suo ritorno dal viaggio in Libano.
Ma devono trascorrere ben 919 anni affinché un altro Pontefice della Chiesa di Roma torni a pregare a Brindisi.
In preparazione all’evento sono stati organizzati interessanti seminari ed incontri storico-culturali, contestualmente sono stati avviati i lavori di sistemazione delle aree di ingresso, passaggio e sosta dei pellegrini. Un attento piano di sicurezza svolto dagli oltre mille specialisti, che hanno controllato in ogni luogo la città, sigillando tutti i tombini e rimuovendo i raccoglitori dei rifiuti presenti sul tragitto del Papa.
Durante i due giorni della visita papale la città è rimasta blindata e l’intera macchina organizzativa ha funzionato alla perfezione: blocco del traffico, controlli accurati, mobilità pubblica ben distribuita, un ottimo risultato anche in questo ambito.
E' stata anche l’occasione per vivere una realtà diversa, insolita, immersi nel silenzio delle strade prive di automobili, pulita e vestita a festa.
Per l’evento sono stati scelti i luoghi più emblematici della città, quelle aree che si affacciano sul porto, simbolo della rinascita dell’intero territorio locale.

foto M. PesariSua Santità Benedetto XVI (Joseph Alois Ratzinger) è giunto nel capoluogo adriatico nell’ampio spiazzo doganale di via Spalato alle ore 20.00 di sabato 14 giugno, a bordo dell’elicottero bianco messo a disposizione dall’Aeronautica Militare, di ritorno dalla Celebrazione Eucaristica sul piazzale del Santuario di Santa Maria de Finibus Terrae in Santa Maria di Leuca.
Accolto dall’Arcivescovo di Brindisi-Ostuni Rocco Talucci, che aveva fortemente voluto questa visita pastorale, ed accompagnato dallo stesso nella Papamobile lungo tutto il tragitto che il corteo ha percorso, tra ali di folla e numerosi bambini che sventolavano bandierine bianco e gialle, sino a giungere in piazzale Lenio Flacco dove il Santo Padre ha potuto incontrare la cittadinanza e i giovani dell’Arcidiocesi.
Introdotto dai saluti dell’On.le Raffaele Fitto, rappresentante del Governo italiano, del Sindaco di Brindisi Domenico Mennitti e del giovane Giorgio Nacci, Papa Benedetto XVI ha pronunciato un discorso di ringraziamento alla città, con riferimenti al ricco patrimonio civile e religioso della popolazione e alla sua solidarietà, al rispetto della vita e l’attaccamento alla famiglia e, rivolgendosi ai giovani, al drammatico fenomeno della disoccupazione
Anche dopo che il Pontefice si è ritirato in Episcopio per trascorrere la notte, la festa è continuata con l’esibizione di Albano, il balletto di Tony Candeloro, ma anche con riflessioni e preghiere. Madrina della serata Lorena Bianchetti.

Il primo appuntamento della domenica è stato con le suore claustrali, benedettine e carmelitane prima di spostarsi in Papamobile, in un percorso gremito di persone, sull’ampio piazzale della banchina di Sant’Apollinare, nel porto della città, dove i circa settantamila fedeli attendevano il Papa dalle prime ore del mattino o persino dalla notte, con una veglia di preghiera. Tra essi numerosissimi i giovani provenienti da ogni zona della Puglia con pullman e treni straordinari.
La messa e l’Angelus sono stati seguiti anche dal lungomare del porto interno e dai maxischermi dislocati in alcune piazze del centro.
Alla celebrazione eucaristica, che si è svolta sull’ampio palco (circa 1.200 metri quadrati) costruito per l’occasione e che rappresentava la prua di una nave, hanno partecipato i presuli dell'episcopato pugliese al completo e alcuni sacerdoti giunti dall’Albania. Importante anche la presenza del metropolita Gennadios Zervos, arcivescovo ortodosso d'Italia e Malta.
Al termine del messaggio di pace per i popoli del Medio oriente rivolto dal Papa dopo l'Angelus, circa cinquanta piccioni sono stati liberati in volo nei pressi del palco. Sulla voliera sventolava la bandiera della pace con i colori dell'arcobaleno e quella giallo-bianca del Vaticano.

foto M. GioiaNel pomeriggio, dopo un pranzo in Episcopio con i vescovi pugliesi e un breve riposo, nella vicina Cattedrale il Santo Padre ha incontrato sacerdoti e seminaristi della Diocesi, nel suo discorso ha fatto riferimento anche al nuovo Seminario a lui intitolato, inaugurato dal segretario di stato vaticano Cardinale Tarcisio Bertone il 18 novembre del 2007.
Prima del ritorno a Roma, Papa Ratzinger è stato ancora una volta destinatario del grande affetto dalla popolazione brindisina che affollava piazza Duomo, dove sorridente ha abbracciato e baciato i bambini, e per le strade lungo tutto il tragitto che lo ha condotto all'aeroporto militare.

Il Papa porta con se una serie di doni: quelli offerti dalla diocesi vi sono la mitria papale e la casula realizzate dalla suore di clausura di Manduria, il calice della messa realizzato dall’orafo greco ortodosso Zidron Leoandaris a Ioannina, l’evangelario con le formelle d’argento realizzate dallo scultore Pietro Palmisano. L’Amministrazione Comunale ha donato un ostensorio compiuto a forma del protiro della chiesa di Santa Maria del Casale, realizzata dall’argentiere Pietro Paolo e il nuovo ibrido di rosa chiamata “Brindisi”. La Camera di Commercio ha preparato un gallone di vino DOC in una bottiglia “magnum”, la polizia di stato un piatto con sopra raffigurato il successore di Pietro nel porto di Brindisi, e tanti altri piccoli doni da privati, semplici ma di grande valore affettivo.

L'entusiasmo manifestato giustifica pienamente l’idea del sindaco di costruire una colonna al centro di Piazzale Lenio Flacco in ricordo della visita pastorale, "un punto fermo di partenza per il nostro riscatto" ha dichiarato la prima sera al Papa lo stesso Mennitti.
Una visita che certamente Papa Benedetto XVI ricorderà a lungo, lo confermano le parole confidate ai vescovi pugliesi alla fine del pranzo: "torno a Roma molto confortato".

Fotogallery - clicca per ingrandire
Sabato 14 giugno
photo
Maurizio Pesari
photo
Mimmo Greco
photo
Mimmo Greco
photo
Federica Bruno
photo
Nicola Ingrosso
Domenica 15 giugno
photo
Mario Gioia
photo
Mario Gioia
photo
Mario Gioia
photo
Mario Gioia
photo
Nicola Ingrosso
photo
Federica Bruno
photo
Nicola Ingrosso
photo
Mimmo Greco
photo
Mimmo Greco
photo
Damiano Tasco

Foto nel testo (dall'alto):
1 e 2: Il Papa all'arrivo a Brindisi il 14 giugno (photo M.Pesari e N.Ingrosso)
3: l'Arcivesco Rocco Talucci con Lorena Bianchetti a piazzale Lenio Flacco (ph N. Ingrosso)
4: Il Papa durante la celebrazione del 15 giugno (photo M. Gioia)

Documenti correlati
» Resoconto della visita pastorale di Sua Santità Benedetto XVI (Uff. Beni Culturali Ecclesiastici)

» Discorsi e omelie di Papa Benedetto XVI a Brindisi
» Il Calice della celebrazione papale
(Uff. Beni Culturali Ecclesiastici)
» La Medaglia celebrativa coniata per l'occasione
(Uff. Beni Culturali Ecclesiastici)
» La visita del Papa a Brindisi (dal Blog Il Magistero di Benedetto XVI)

Video
» Video dell'arrivo al porto di sabato 14 giugno

Print Friendly and PDF

English version

Brindisi på dansk

Come arrivare e muoversi
 



Partnership

Brindisiweb è un'idea di Giovanni Membola Crediti Copyright Contatti