Home Page
Contatti
 
Cerca in Brindisiweb

 

LE STORIE DELLA NOSTRA STORIA

LA TRAGEDIA DELLA NAVE HELEANNA
28 agosto 1971

Era l'alba del 28 agosto del 1971, quando a bordo della nave di nazionalità greca Heleanna, in servizio sulla rotta Patrasso-Ancona, una fuga di gas dai locali della cucina provoca un incendio. La nave in quel momento sostava a largo di Torre Canne, circa 40 km a nord del capoluogo, e il propagarsi dell'incendio provoca terrore e panico nei passeggeri; molti scelgono di gettarsi in mare mentre altri riescono a salire sulle poche scialuppe di salvataggio: delle dodici in dotazione più della metà hanno gli argani bloccati e non riescono ad essere calate in mare. Una delle scialuppe per l'eccessivo carico si rovescia.


Il traghetto Heleanna


A bordo della nave, trasformata nel 1966 dall'armatore Efthymiadis da petroliera (la "Munkedal" di nazionalità svedese) a traghetto passeggeri più grande del mondo in per quell'epoca, risultano imbarcati 1174 passeggeri (quasi il doppio dei 620 consentiti) e circa 200 autovetture.

Nave Heleanna e i soccorsi
La nave soccorsa dai rimorchiatori della ditta Fratelli Barretta

Le successive inchieste dimostreranno infatti le pessime condizioni della nave e il cattivo funzionamento dei sistemi di soccorso e degli idranti antincendio presenti.
I soccorsi aerei e navali partono da Brindisi, Bari, Monopoli, Taranto e Grottaglie, persino i pescherecci privati partecipano alla ricerca dei dispersi in mare ed al soccorso dei naufraghi. L'incendio viene domato dopo molte ore grazie anche al contributo dei mezzi della ditta Barretta, gli stessi rimorchiatori riportano la nave nel porto di Brindisi, dove sosterà per molto tempo nei pressi del castello Aragonese prima di essere demolita nei cantieri di La Spezia.


La nave Heleanna ancorata nel porto medio di Brindisi


La nave Heleanna ancorata nei pressi del Castello Alfonsino

L'incidente provoca 25 morti di diversa nazionalità (italiani, francesi e greci), 16 dispersi e 271 feriti, alcuni anche in modo grave. Il comandante della nave, Dimitrios Anthipas, viene condannato dalla magistratura italiana e da quella greca, cerca la fuga il 30 agosto del 1971, ma viene arrestato nel porto di Brindisi prima di riuscire ad imbarcarsi furtivamente, insieme alla moglie, su una nave diretta in Grecia.

La città di Brindisi dimostra un forte slancio di generosità e tanta solidarietà verso i superstiti, si mobilita e si organizza per soccorrere e curare i naufraghi, una prova generale di quello che, giusto venti anni dopo, ripeterà con l'esodo degli albanesi.

Per questo il 15 ottobre del 1972 il capo dello stato Giovanni Leone conferisce alla città di Brindisi la medaglia d'argento al valor civile in riconoscimento dell’antica tradizione di ospitalità e di civismo della sua popolazione, particolarmente prodigatasi in occasione del naufragio dell’Heleanna (leggi).

Foto testimonianza di Adolfo Maffei
clicca per ingrandire
Adolfo Maffei era il corrispondente dell'Ansa di Bologna e come giornalista fu uno dei primi a salire a bordo della nave. Con Remigio Benni realizzò una serie di reportage sul tragico avvenimento, con le immagini della nave devastata dall'incendio.
Il sig. Maffei ha voluto condividere alcune delle immagini più significative di quell'esperienza.

Le testimonianze dirette dei
soccorritori e dei naufraghi

Giovanni Amoruso, militare e soccorritore durante la tragedia
Emanuele Zecchino, naufrago della nave Heleanna
Isaura Molina, naufraga della nave Heleanna
Gianni Bagolini, naufrago della nave Heleanna

Alis Agostini, naufraga della nave Heleanna

Bibliografia:
» Lionello Maci, Il Novecento. 2001

Documenti correlati:
» Medaglia d'argento al valor civile conferita al Gonfalone della città di Brindisi per l'opera di soccorso ed assistenza ai profughi della nave Heleanna

Documenti online:
» La tragedia dell'Heleanna di Nicola Mascellaro (La Gazzetta del Mezzogiorno)

» La soria della nave greca Heleanna di Abele Carruezzo (Nautilus)

Le foto a colori sono di Aldo Manfreda, la foto aerea è dell'archivio dei Fratelli Barretta.

 


'La tragedia dell'Heleanna' docu-video di Viviana Marangella

Print Friendly and PDF

English version

Brindisi på dansk

Come arrivare e muoversi
 



Partnership

Brindisiweb è un'idea di Giovanni Membola Crediti Copyright Contatti