Home Page
Contatti
 
Cerca in Brindisiweb

 


La Provincia di Brindisi - TORCHIAROLO

Le origini del paese, il più a sud della provincia, sono antiche e risalenti al periodo messapico. Lo testimoniano le vicine rovine dell’antica città di Valesio, distrutta nel 1157 dai normanni di Guglielmo il Malo e che portò i suoi abitanti a erigere questo nuovo centro abitato nelle vicinanze. Già Feudo della contea di Lecce nel XIV secolo.


Torchiarolo, Palazzo Baronale

Tutto è presente nella centralissima Piazza Castello, dove da un lato svetta la Chiesa Matrice di Maria SS. Assunta, costruita alla fine del XVI secolo su una preesistente edificio, ha una facciata elegante in tufo carparo sormontata da pinnacoli e da un orologio, con richiami tipici del barocco. All’interno altari laterali e il battistero del settecento.
Al centro della piazza la chiesa del Rosario, completamente ricostruita nel 1890 sulla precedente chiesa del ‘600. All’interno l’interessante dipinto di San Giuseppe (1715).
Di fronte la fontana in pietra e sul vertice opposto alla matrice spicca il Palazzo Baronale del 1698, con un torrione a pianta quadrata e coronamento, unica testimonianza del suo antico sistema difensivo, sul quale si apre un portale sormontato dall’araldica dei Caracciolo, principi del paese nel 1726.

Davvero interessante l’ingresso della casa fortificata di via Principe Amedeo del XV secolo (poco a lato della chiesa matrice) conosciuta anche come “Corte San Domenico” che conserva ancora la struttura originaria dell'epoca, unica in tutta la provincia.
L’unico ingresso, ad arco, è difeso da una caditoia che veniva servita dall’interno della “corte” (cortile asservito a più abitazioni) dallo spalto raggiungibile con una scala. Sul lato destro dell’arco d'ingresso la nicchia con un affresco del Santo.

Nelle vicinanze altre abitazioni a “corte” con l’ingresso ad arco (foto a lato) o con torre fortificata, come il ristrutturato Palazzo Tarantini nei pressi della piazza principale.

DINTORNI
Fuori dal centro abitato la bella chiesetta della Madonna di Galeano, costruita su una cappella del seicento, sull’altare laterale l’antico affresco della Madonna con il Bambino.

Due alte torri spiccano nelle campagne del paese, la Torre Bartoli, a tre piani del XVI secolo e Torre Lo Muccio (XV sec. – sulla strada per Lendinuso), entrambi erette per l’avvistamento di nemici che venivano dal mare.

La marina di Torchiarolo si compone delle località di Torre San Gennaro, piccolo borgo di pescatori con residenze estive dove c’è la zona umida di interesse ambientale della Quatina, e Lendinuso, con altre lidi sabbiosi nelle vicinanze.

A circa tre chilometri a nord del paese si trovano i resti dell’antico abitato di Valesio, centro messapico, poi greco e successivamente romano.
» AREA ARCHEOLOGICA DI VALESIO

Fotogallery - clicca per ingrandire
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
Foto
1: Palazzo Baronale
2: La Chiesa matrice vista dal Palazzo Baronale
3: Chiesa Matrice. Esterno
4: Chisa del Rosario
5: Corte S.Domenico
6: Corte S.Domenico. Dipinto del Santo nella nicchia
7: Torre Bartoli
8: Torre Lo Muccio
9 e 10: Chiesa della Madonna di Galeano, interno e particolare dell'affresco
VIDEO
Torre San Gennaro e Torre Mattarelle
da "Terre del Salento" (TeleRama)
Documenti correlati:
» Area archeologica di Valesio
- siti esterni
» Il Palazzo Baronale (Mondimedievali)
» Torre Bartoli e Torre Lo Muccio (Mondimedievali)
Link:
» Sito Ufficiale del Comune

Non è consentito l'utilizzo dei testi e delle immagini senza autorizzazione


Print Friendly and PDF

English version

Brindisi på dansk

Come arrivare e muoversi
 



Partnership

Brindisiweb è un'idea di Giovanni Membola Crediti Copyright Contatti