Home Page
Contatti
 
Cerca in Brindisiweb

 

Versi Dialettali - POESIE

Proverbi in vernacolo (1/2)

  Ci teni rrobba teni parienti, ci nò teni parienti nò teni rrobba nè nienti
 
  Femmini, ciucci e nuci voluni li mani tuesti
 
  Ci è figghia ti jatta ava pigghiari surgi
 
  Ci fatia nà sarda, ci nò fatia nà sarda e menza
 
  L'anima a Ddiu e la rrobba a ci tocca
 
  Lu tiaulu nò teni pecuri e vendi lana
 
  Femmini, cavaddi, sciuecu e sirvituri rruvinunu li signori
 
  Lu matrimoniu è comu riesci, nò comu si faci
 
  Ci spera cu ricchesci 'ntra n'annu, mpuveresci ntra nu mesi
 
  Ronca di Brindisi e zappa di Misciagni
 
  Stipa la 'nzogna pi quandu bisogna
 
  No sulu ci chianta favi mangia unguli
 
  Tre sò li putienti: lu Papa, lu rrei e ci nò teni nienti
 
  Quandu zappi e quando puti, nò si vedunu niputi
 
  La furtuna quandu ti voli, ti veni a trova
 
  Ci sputa an cielu, 'nfacci li vai
 
  Quandu essi l'uva e la fica, lu muloni si và mpica
 
  Monti cu monti nò si contrunu mai, omu cu omu, ci nò osci, crai
 
  Tira cchiù lu pilu ti lu nzartu
 
  Lu pacciu mena e lu saputu cogghi
 
  A casa ti latri non ci sciri a rubbari
 
  Quandu ti truevi allu ballu, bisogna cu balli
 
  La femmina si canosci alla lengua e lu bovi alli corni
 
  L'amori no si ccatta allu marcatu
 
  La campagna ti stampagna
 
  Ci vuè viti lu riccu 'mpuviriri, manda la genti fori e non ci sciri
 
  La furtuna cu ti vascia, ca lu sapiri picca ti giova
 

» Successiva »

Print Friendly and PDF

English version

Brindisi på dansk

Come arrivare e muoversi
 



Partnership

Brindisiweb è un'idea di Giovanni Membola Crediti Copyright Contatti