Home Page
Contatti
 
Cerca in Brindisiweb

 

Versi Dialettali - POESIE

Culacchi ti Brindisi
di Ennio Masiello

Mi cuntau don Fidiricu
l'atru giurnu alla Marina
tanta fabbuli e culacchi
ti la Storia brindisina:

Cosi ti tant'anni andretu,
prima assai ti l'atra uerra,
cu li vigni 'ntra la chiazza
quandu Cristu scìa pi 'n terra

E li nobili romani
si facìunu lu vïaggiu
e partìunu pi la Creggia
(puro tandu ti passaggiu);

Quandu, poca no lu criti,
comu contunu li vecchi
cumandava Re Angiulinu
ca tinìa puru li zecchi,

E Jannizziri e Francisi
cu Spagnoli e Viniziani
li futtìunu li mugghieri
all'artieri e alli villani;

Quandu, a manu a Pappacola,
quiddu Sinducu biddizzi
s'è vinduta la Culonna
pi do' cordi ti sazizzi.

Ma, 'ntra tutti quisti cosi,
po' la cosa chiù 'ngraziata
fo ti quandu Firdinandu
questa Leggi è spubblicata:

"Causa la popolazioni
la sta fotti la tirzana
mo' bisogn'a si pruvveti
sta minchiata cu si sana!

So' 'nnicchiarichi li terri,
no nc'è genti pi li strati;
Brindisini, no crisciti
e no sta moltibblicati.

Per la quale comandiamo
ca ciunca è 'nchiavicatu
sia di tufi o ti cambiali
veni tuttu cancillatu.
Ca la femmina chiù fiacca,
la chiù mali criatura,
ndi scurdamu lu passatu
e 'ddiventa na signura.

E ndi basta a contraccambiu
ca sta massa ti fitienti
si va faci casa a Brindisi
pi cinc'anni sulamenti."

Ci cussì stannu li cosi
mi lu tici 'Ssignuria
ti 'ddo veni sta superbia?
'ddo' la 'ppueggi st'arbagia?

Li pizzienti e li signuri
simu tutti ti na lana:
Tutti malipajaturi,
tutti figghi ti puttana!

Print Friendly and PDF

English version

Brindisi på dansk

Come arrivare e muoversi
 



Partnership

Brindisiweb è un'idea di Giovanni Membola Crediti Copyright Contatti