Home Page
Contatti
 
Cerca in Brindisiweb

 

LIBRI E GUIDE

EDGARDO SIMONE SCULTORE (1890 – 1948)
di Massimo Guastella

Dettagli del libro
Titolo:
Edgardo Simone Scultore (1890 – 1948)

Autore:
Massimo Guastella

Editore:
Mario Congedo Editore

Anno di edizione: 2011

Pagine 328

Isbn: 9788880869412

Prezzo di copertina: 40,00 euro

Massimo Guastella, professore di Storia dell’Arte Contemporanea all’Università del Salento, con questo volume si è prefisso di riordinare filologicamente tanto la biografia quanto la produzione scultorea di Simone, alla luce della necessaria rilettura e più definita configurazione delle vicende storico-artistiche della prima metà del XX secolo, una operazione che vale anche per tanti altri artisti della periferia meridionale, attivi tra la fine dell’Ottocento e la prima metà del Novecento, ancor oggi sottratti a una più ampia ricostruzione storica per via delle difficoltà nel reperimento di fonti e per la scarsa fortuna critica.
La complessa attività artistica e la controversa vicenda biografica di Edgardo Simone, dalla sua partenza dall’Italia senza ritorno, sul finire del 1927, hanno provocato la pressoché totale dispersione di scritti e corrispondenze, disegni e progetti, materiali considerati fondamentali per gli studiosi.
Grazie a una lunga e rigorosa ricerca tanto di opere quanto di documenti (poco meno di 400 quelli consultati, per la gran parte inediti) conservati in varie città italiane da Brindisi a Roma, da Monopoli a Napoli e altri centri italiani, nonché scovati negli archivi di istituzioni americane, Guastella ha contribuito a far affiorare innanzi tutto la formazione e la prima produzione dell’artista brindisino, ad oggi assai nebulosa, rinvenendo opere misconosciute e altre andate perdute, che con quelle già note ricompongono il mosaico delle sue invenzioni plastiche.
L'attività matura dello scultore brindisino si svolge in Campania (vive a Napoli città d'adozione), a Verona, tra il ferrarese e il ravennate, nelle cave di Carrara, nel barese alle prese con numerose opere monumentali dedicate ai caduti della Grande Guerra (oltre a quello brindisino sono notevoli quello bronzeo di Sarno e quello marmoreo che campeggia in piazza Vittorio Emanuele a Monopoli), con ritratti puntuali e gustosi bronzetti di genere, come lo "squilibrato" Tango – un inedito - proposto in copertina.
Edgardo li esegue all'insegna di un eclettismo oscillante tra classicismo di uno Zanelli, impronte rodiniane, neomichelangiolismo alla Mestrovic, simbolismi e art nouveau. Il volume documenta anche molte opere di Edgardo Simone recentemente emerse dall’oblio che incrementano il suo corpus che oggi, grazie a questo studio, ne cataloga circa 200.
Non priva di interesse, soprattutto sotto il profilo del giudizio critico, è una scultura raffigurante un nudo femminile in bronzo, acquistata per la sua personale collezione dal famoso storico dell'arte Federico Zeri, uno dei connaisseur più importanti del ventesimo secolo. Alterne le fortune dell'artista negli Stati Uniti, che dopo un immediato successo conosce la crisi del economica del '29 per poi riemergere con una significativa presenza di opere all'Esposizione Universale di Chicago del 1933, grazie ai favori di cui gode negli ambienti del fascismo, grazie a suo cugino il senatore Ugo Bono, dal cui archivio provengono talune inedite e illuminanti (sia sotto il profilo biografico che artistico) corrispondenze dagli Stati Uniti. Lì contrae matrimonio con la compositrice Radie Britain - che complica la sua vicenda biografica e familiare: sposata in bigamia nel '40 a Coronado, con lei abita la "Casa del Sogno" ad Hollywood, dove, da Napoli, verrà raggiunto alla fine della guerra dai suoi due figli Vera e Silvan, nati dal suo precedente, secondo matrimonio italiano, essendo rimasto già vedovo con una figlia a carico, Reneè, sul finire degli anni dieci.
Tra le molte opere del periodo statunitense, in cui fu ritrattista di politici, magnati, vip e star del cinema, si segnala il bel ritratto di Marlene Dietrich, recentemente entrato a far parte delle collezioni del prestigioso museo berlinese dedicato alla famosa attrice. Il ponderoso volume edito per i tipi di Congedo Editore in un formato 29,5 x 20,5, con copertina rigida, si compone di oltre 300 pagine con illustrazioni in bianco e nero e colori, con ampio inventario delle opere dello scultore, un regesto dei documenti e un prezioso summary in lingua inglese, giacché si prevede una sua diffusione negli Stati Uniti, ove è già stato prenotato da rinomate biblioteche d'oltreoceano, dove il nome dell'artista brindisino è tornato in auge spinto dalle numerose vendite all'asta delle sue opere.

Il volume può essere acquistato presso il bookshop di Palazzo Granafei-Nervegna o richiesto via email a book@granafertart.it

« Indietro

English version

Brindisi på dansk

Come arrivare e muoversi
 



Partnership

Brindisiweb è un'idea di Giovanni Membola Crediti Copyright Contatti