Home Page
Contatti
 
Cerca in Brindisiweb

 

Versi Dialettali - CANZONI IN VERNACOLO

Lu Citrulu

Si da qui il testo composto da F.Fasano nel 1906. Questi potrebbe aver lavorato su di un canovaccio di più antica data intessuto come è di un sottile erotismo e basato su un complesso intreccio di simboli forse ancora persistenti nella provincia in cui operava I' autore.

Nnu giurnu mi truvai ntra Santu Magnu
e nc'era nna carosa ca sta ddaccuava,
li circai nna mbivuta ntra lu tiragnu,
la secca troppu forti mi turmintava.

Rispundiu cuntignosa e fresca comu nevi
'ntra lu tiragnu mia nisciunu mbevi.
Lu tiragnu lu teni cilusu sta carosa
a nisciunu lu mpresta, ci no si po bucari,
ni corri l'acqua e si spiccia la festa.

Li tissi: cce sta faci bedda Rusina?
Sta daccu, Fra' mi tissi, quattru citruli
ca I'aggià purtari crammatina
alla signura mia e so to' suli.

To' suli e so piccini e questa è la nfurrata
ca no bbastunu mancu pi nna mangiata.
Lu citrulu quand'eti piccinnu
no teni sapori e no teni sustanza,
quand'è gruessu bbuenusinu
t'enchi la vocca e ti ngrossa la panza.

Li mmostru nnu citrulu ti lu uertu mia
e dissi uarda, uarda ce rrobba fina,
cce nni vuei chiantati 'na quindicina?
Mi tissi unu osci e l'atru crai
senza pirdiri tiempu nci lu chiantai.

Print Friendly and PDF

English version

Brindisi på dansk

Come arrivare e muoversi
 



Partnership

Brindisiweb è un'idea di Giovanni Membola Crediti Copyright Contatti