Home Page
Contatti
 
Cerca in Brindisiweb

 

Brindisini illustri - BENEDETTO MARZOLLA

Benedetto Marzolla e Brindisi nel 1835

Benedetto Marzolla, ingegnere, geografo e cartografo di fama, nato a Brindisi il 14 marzo 1801 da Carlo ed Elisabetta They, a vent’anni ingegnere topografo dell’Ufficio Topografico della Guerra di Napoli, dimostrò anche un grande interesse per la storia locale e la statistica. Il Gran Dizionario Geografico-statistico-storico, l’opera che con tante altre lo rese celebre, contiene un’accurata descrizione della città di Brindisi nel 1835.


Benedetto Marzolla. Dipinto donato al locale Liceo Ginnasio

La popolazione della nostra città, composta in prevalenza da contadini, pescatori e artigiani, era allora di 7.504 persone (3.417 uomini e 4.087 donne). In buona parte, è precisato, i brindisini erano docili e di buone maniere, con inclinazione all’inerzia. Il clero era costituito da 68 persone, e le chiese erano 17.

La fiorente agricoltura produceva in gran quantità grano, avena, vino, formaggi, lana e cotone. Mancavano, invece, i legumi, la frutta, l’olio, le patate e il granturco. Nell’abitato esistevano 21 mulini, e altri 49 in campagna. I forni erano 61, di cui undici nell’abitato e 50 nelle masserie. A fronte di 90 bettole, c’era una sola trattoria. Degli otto alberghi uno solo, che si trovava nella rua (via) Maestra, era decente e poteva ospitare fino a otto persone.

Nel territorio comunale c’erano allora 16 boschi, che fornivano il legname necessario per la costruzione di carri agricoli, aratri e piccole barche da pesca. Si contavano 190 cavalli, 80 muli, 500 asini, 620 buoi, 400 vacche, 11.000 pecore, 130 maiali, 6.000 capre, 8.000 polli. L’industria era costituita da due fabbriche di acquavite, un pastificio funzionante con macchine e altri a mano; due fabbriche di sapone, tre concerie e due di creta lavorata. Le barche da pesca erano 56, e tre quelle da trasporto. Le fontane che fornivano acqua potabile alla popolazione erano nove, di cui una nella piazza dei commestibili (ora della Vittoria), fatta costruire dagli Spagnoli nel 1618.

Le professioni e i mestieri di prima necessità erano svolti da sette medici, 15 avvocati, quattro notai, sei farmacisti, dieci salassatori, quattro levatrici, tre agrimensori, 40 muratori, 30 falegnami carpentieri, 13 ferrari, tre armieri, 80 sartori, 80 calzolai, tre pellettieri, 13 barbieri, dieci beccari (macellai). Non deve sorprendere il gran numero di sarti e calzolai (ben 160 in una città di 7.500 abitanti), in un’economia in cui era d’obbligo “rammendare, rivoltare e risuolare”. Due erano gli ospedali: quello civile poteva accogliere 20 ammalati, quello militare molti di più: 80. Il bagno penale aveva una capienza di 600 “servi di pena”, com’erano chiamati i condannati per reati penali, utilizzati per i lavori pubblici più disagevoli e pericolosi.


Il Liceo Ginnasio "B. Marzolla" in Corso Roma nel 1933, anno della sua inaugurazione

Il nome di Benedetto Marzolla, morto a Napoli il 10 maggio 1858, fu dapprima dato a una via traversa di corso Roma; poi, nel 1933, anche al Liceo classico, per molti anni uno degli edifici scolastici più belli e imponenti della città.

Testo di Roberto Piliego

Documenti correlati
» Biografia di Benedetto Marzolla
» Nota su Benedetto Marzolla di Vladimiro Valerio (dal Depliant della mostra [1] )
Print Friendly and PDF

English version

Brindisi på dansk

Come arrivare e muoversi
 



Partnership

Brindisiweb è un'idea di Giovanni Membola Crediti Copyright Contatti